Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

Referendum 17 aprile 2016

Per domenica 17 aprile 2016, è stato convocato un referendum popolare abrogativo previsto dall’articolo 75 della Costituzione la seguente denominazione:
«Divieto di attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi in zone di mare entro dodici miglia marine. Esenzione da tale divieto per i titoli abilitativi già rilasciati. Abrogazione della previsione che tali titoli hanno la durata della vita utile del giacimento»

formulato con il seguente quesito:

«Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale“? ».


* * *
Per il suddetto referendum le operazioni di votazione si svolgeranno nella sola giornata di domenica 17 aprile 2016, dalle ore 7 alle ore 23.
Le operazioni di scrutinio avranno inizio subito dopo la chiusura della votazione e l’accertamento del numero dei votanti.

 

 

SCRUTATORI
La Commissione Elettorale Comunale di Copparo ha stabilito i criteri di nomina dei n. 72 scrutatori necessari per le prossime consultazioni referendarie del 17 aprile 2016.
All'unanimità la Commissione ha deciso di adottare i seguenti criteri:

  1. Sarà data la priorità agli elettori del Comune di Copparo che, già iscritti all’Albo unico delle persone idonee all'Ufficio di scrutatore di seggio elettorale, manifestino la loro disponibilità per svolgere le suddette funzioni utilizzando l’apposito modulo predisposto dall’Ufficio elettorale, da presentare personalmente o a mezzo terzi all’Ufficio stesso corredato da copia di un documento d'identità del dichiarante o inviato a mezzo PEC (comune.copparo@cert.comune.copparo.fe.it );
  2. In caso di esubero di disponibilità rispetto al numero di scrutatori necessari (72) verranno prioritariamente nominati coloro che avranno dichiarato di essere:
    - studenti iscritti alle Scuole Superiori o all’Università;
    - disoccupati e regolarmente iscritti nelle liste di collocamento del Centro per l'Impiego l’ufficio elettorale potrà verificare la veridicità delle dichiarazioni fornite.
  3. Qualora i soggetti di cui al punto precedente non esaurissero il totale dei posti a disposizione si procederà secondo l’ordine di protocollo delle dichiarazioni pervenute. I nominativi in esubero verranno inseriti in apposito elenco dei supplenti:
  4. In caso di manifestazioni di disponibilità insufficienti al fabbisogno, si procederà al completamento dei seggi e all’elenco dei supplenti seguendo l’ordine di presentazione delle domande di iscrizione all’Albo degli scrutatori dando priorità alla piu’ recente iscrizione e procedendo a ritroso;
  5. In analogia con quanto previsto dalla normativa vigente per la nomina dei Presidenti di seggio, non verranno nominati scrutatori coloro che abbiano superato il 70° anno di età.

Le manifestazioni di disponibilità in argomento dovranno pervenire all’Ufficio elettorale entro la data di VENERDÌ 18 MARZO.
Il compenso previsto per questa consultazione referendaria è di € 104,00 onnicomprensivo.

 

scarica il modulo Dichiarazione di disponibilità
 

VOTO DOMICILIARE
Dal 2006, gli elettori affetti da gravissime infermità, tali che l’allontanamento da casa risulti impossibile, possono esprimere il voto nel proprio domicilio, presso l’abitazione di residenza o presso l’abitazione in cui dimorano per motivi di assistenza. In questo ultimo caso, l'abitazione deve essere nel comune di residenza, per le votazioni comunali, nella regione comprendente il comune di residenza, per le regionali.
Per poter votare a domicilio una persona delegata dall'elettore deve produrre all'Ufficio elettorale, in un periodo compreso fra il quarantesimo e il ventesimo giorno antecedente la votazione: una certificazione rilasciata dal medico competente dell’Asl (ovvero il medico del Distretto Socio-Sanitario dove l’elettore è domiciliato) che attesti le gravissime infermità; fotocopia del documento di identità e della tessera elettorale dell'elettore; la richiesta di voto domiciliare. L’ufficio elettorale consegnerà tutta la documentazione al Presidente di seggio della sezione in cui si trova l’abitazione dell’elettore, affinché lo stesso possa recarvisi per raccogliere il voto.

VOTO ASSISTITO
L’elettore in grado di recarsi al seggio elettorale ma fisicamente impossibilitato ad esprimere il voto autonomamente può farsi assistere, nell'operazione di voto, da persona di sua fiducia; sulla tessera elettorale dell’accompagnatore dovrà essere annotato l’assolvimento di questa funzione e dovrà quindi essere apposto, nello spazio destinato alla certificazione del voto, la data e la scritta "accompagnatore".
Per accedere al voto assistito, l’elettore deve produrre all’ufficio elettorale la certificazione, rilasciata dal medico competente dell’Asl, che l’impedimento è di natura permanente o, nel caso degli elettori non vedenti, il libretto di pensione in cui sia indicata la categoria "ciechi civili"; inoltre deve richiedere l’apposizione sulla tessera elettorale del timbro "ADV" (Diritto Voto Assistito).


VOTO DEGLI ELETTORI NON DEAMBULANTI
Gli elettori non deambulanti, qualora siano iscritti in una sezione elettorale non accessibile mediante sedia a ruote, possono esercitare il diritto di voto in qualsiasi sezione del Comune la cui sede dia priva di barriere architettoniche.
Gli elettori, di cui trattasi, dovranno recarsi nel seggio prescelto muniti di certificato elettorale e di una attestazione medica rilasciata dall’ASL, anche in precedenza per altri scopi, o di copia autentica della patente per guida speciale, purchè dalla documentazione esibita risulti l’impossibilità o la capacità gravemente ridotta di deambulazione.
Si elencano di seguito i seggi attrezzati per il voto dei non deambulanti nel Comune di Copparo:
05    Scuola Media via Vittorio Veneto, 23 Copparo
06    Scuola Media via Vittorio Veneto, 23 Copparo
13    Scuola Elementare P.zza XX Settembre, 80 Tamara
15    Ex Scuola Elementare via Marchesa, 18 Sabbioncello San Pietro
17    Ex Scuola Elementare via I. Faccini, 49 Gradizza
19    Scuola Materna via Cavallari, 7 Coccanile
21    Scuola Elementare via Zappaterra, 87 Ambrogio


ELETTORI RESIDENTI ALL'ESTERO
Gli elettori residenti all’estero, che votano per corrispondenza all’estero, vengono inseriti d’ufficio in elenco elettori ma è fatta salva la loro facoltà di venire a votare in Italia, con apposita e tempestiva opzione, valida per un’unica consultazione.
Il diritto di optare per il voto in Italia degli elettori residenti all’estero, ai sensi dell’art. 1, comma 3, della legge n. 459 del 2001, deve essere esercitato entro il decimo giorno successivo all’indizione del referendum - intendendo riferito tale termine alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto di indizione - e cioè entro il prossimo 26 febbraio 2016.
L’opzione dovrà pervenire all’Ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza dell’elettore (mediante consegna a mano, o per invio postale o telematico, unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento d’identità del sottoscrittore) entro il termine suddetto. L’opzione può essere revocata con le medesime modalità ed entro gli stessi termini previsti per il suo esercizio.
Qualora l’opzione venga inviata per posta, l’elettore ha l’onere di accertarne la ricezione, da parte dell’Ufficio consolare, entro il termine prescritto.
Si ribadisce che eventuali opzioni effettuate in occasione di precedenti consultazioni politiche o referendarie non hanno più effetto (in allegato il modulo di opzione).

Termini e modalità di esercizio dell’opzione degli elettori residenti temporaneamente all’estero a votare per corrispondenza
 Diversa è invece la modalità di opzione degli elettori temporaneamente all’estero per motivi di lavoro, studio o cure mediche e dei loro familiari conviventi che intendano avvalersi della modalità di voto per corrispondenza nella circoscrizione Estero, ai sensi dell’art. 4-bis della legge n. 459 del 2001, i quali dovranno far pervenire l'opzione per il voto per corrispondenza al Comune di iscrizione elettorale entro il 26 febbraio.
Solo per le consultazioni referendarie del corrente anno il suddetto termine deve essere considerato meramente ordinatorio, pertanto saranno ritenute valide quelle pervenute entro il 18 marzo 2016.

Ultima modifica dei contenuti: 22/03/2016


Documenti e modulistica


Allegati


Scarica il modulo [.pdf ~30kb]
Convocazione Comizi [.pdf ~108kb]
Certificazioni mediche [.pdf ~1042kb]
Nominascrutatori [.pdf ~640kb]