Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

Ricordo di Dante Bighi

Si tiene sabato 18 maggio 2019 una breve cerimonia di commemorazione dell'artista Dante Bighi, in occasione del venticinquesimo anniversario della scomparsa (Copparo, 18 marzo 1926 / Milano, 18 maggio 1994).
Amministratori, parenti e amici ricordano l'illustre concittadino alle ore 10.30 presso il Cimitero di Copparo.
I cittadini sono invitati a partecipare.
targa

Targa presso la celletta nel cimitero di Copparo.

Ultima modifica dei contenuti: 12/05/2020


Dante Bighi

Grafico e pubblicitario, Dante Bighi è diventato famoso a livello nazionale per campagne e marchi come Pam supermercati, Ibm, Illy caffè, Domenica Sportiva, e molti altri. Particolarmente innovativo è stato anche il suo progetto editoriale degli anni ’60: un libro di grande formato contenente tavole a colori, stampato in pochissimi esemplari. Pubblicazioni uniche nel loro genere, furono denominati “libri oggetto”, libri fotografici con formati insoliti e copertine polimateriche (vetro temperato, altorilievo in legno, tela dipinta), a rappresentare il risultato finale di molti viaggi compiuti per altrettanti continenti, alla scoperta di culture e spiritualità di popoli lontani.
Da ricordare la preziosa donazione al Comune di Copparo di opere, quadri e sculture, di artisti famosi tra cui Remo Brindisi, Christo, Lucio Fontana, Andy Warhol, insieme a “Villa Bighi”, la sua abitazione con lo splendido parco in via Carletti, ora sede del Centro Sudi Dante Bighi (studio di architetti associati Uxa) e centro culturale dove sono esposte le sue opere.
Nel 2011 un’importante donazione di preziose copie autentiche dei “libri oggetto” di Dante Bighi è stata elargita dal Comune di Copparo al Mart (museo di arte moderna e contemporanea) di Rovereto – quattro dei sei “libri oggetto” prodotti tra il 1972 e il 1981- con l’obiettivo di mettere in sicurezza le “opere” appartenenti alla storia dell’arte, del design e dell’editoria italiana degli anni ‘70, per preservarle dall’incuria del tempo e presentarle alle future generazioni.