Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    

Progetto Ambliopia

Presentata l’iniziativa del Lions Club sul Progetto Ambliopia per le scuole, si tratta di uno screening non invasivo, proposto e realizzato da Lions Distretto 108 TB Emilia.
«L’iniziativa che ci ha proposto il Lions Club nella persona del presidente Gianpaolo Pazzi – ha dichiarato la vicesindaco e assessore alla Scuola Franca Orsini – è importantissima perché permette di individuare il problema dell’occhio pigro, che se scoperto in tempo si risolve senza problemi».
L’iniziativa si svolgerà in due giornate, giovedì 16 e giovedì 23 presso la scuola Gulinelli e interesserà 68 bambine e bambini in età 3-6 anni.«Esiste una finestra temporale – ha ricordato Dimer Morandi, optometrista – che va appunto da 3-6 anni in cui è possibile intervenire e recuperare questo difetto di percezione visiva, che colpisce circa il 3% della popolazione e che se trascurato rimane per tutta la vita».
Questo screening fa parte delle attività dei Lions, iniziato tre anni fa e funzionante già in molte parti d’Italia, in cui sono stati visitati oltre 30.000 bambini. «Con il motto “Noi Serviamo”, i Lions indicano quale sia da sempre lo spirito che muove questa associazione - ha affermato Gianpaolo Pazzi presidente Lions – , che rimane la più grande a livello mondiale. Nel Distretto Emilia, Copparo è la prima a partire con questo progetto, anche grazie ai genitori, agli uffici comunali e alle insegnanti, che hanno visto in questo screening un progetto importante per la salute delle nostre future generazioni». Tecnicamente il test dura pochi secondi e permetterà di avere un quadro chiaro sulla vista dei piccoli alunni, che in caso di necessità potranno rivolgersi alle strutture sanitarie preposte.
«Si tratta di un apparecchiatura portatile – ha dichiarato Viviana Ansaloni, ortottista – un “rifrattometro schiascopico binoculare” che è in grado di valutare tutta una serie di parametri e che in meno di un minuto fornisce dati molto importanti per la valutazione oculistica del bambino».
Tutti i bambini visitati forniranno una liberatoria firmata dai genitori e trattandosi di dati sensibili riguardanti la salute, i risultati dello screening saranno forniti in busta chiusa ai genitori, che potranno rivolgersi al loro pediatra di base per le valutazioni del caso. L’apparecchiatura diagnostica è fornita dal Poliambulatorio privato FMedical di Ferrara.
L'immagine può contenere: 4 persone, persone che sorridono, persone sedute, salotto, tabella e spazio al chiuso.

Ultima modifica dei contenuti: 26/02/2020